Quali follie avete acquistato per l’arrivo del baby?

Oggi su BabyGreen ho recensito un manuale che avrei tanto voluto scoprire prima: “Bébé a costo zero”, una guida al consumo critico per neomamme e futuri genitori. Probabilmente lo conoscete già, e magari vi siete fatti salvare in tempo da Giorgia, l’autrice (ve lo auguro!).

Leggere questo manuale mi ha riportata indietro nel tempo (quasi due anni fa’, sembrano passati secoli) da quando il test si è colorato con le fantastiche due righe e mi sono trovata catapultata in un nuovo mondo, fatto anche di shopping, e-commerce e follie varie …
Quindi ho deciso di farmi un esame di coscienza per capire se sono stata travolta anche io dal ciclone shopping pre-nascita (che generalmente prosegue almeno fino al primo anno…). Ecco quindi una lista di quello che ho comprato e mai usato, o usato pochissimo:
  • scaldabiberon (non scalda mai la temperatura giusta);
  • marsupio (impossibile da indossare, scomodo, avrei dovuto scegliere la fascia…);
  • sistema Trio (passeggino + ovetto + navicella: fondamentali solo primi mesi, poi messo tutto da parte per passeggino molto più leggero).
Forse mi è andata quasi bene, soprattutto se faccio il paragone con le mie amiche (in fondo cerco di essere una “mamma quasi green”!).
Però ho anche pensato a qualche cosa che nessuno mi ha proposto nei negozi e nessuno mi ha mai consigliato/regalato ma che ho acquistato io e che si è rivelato veramente utile: il ciuccio-termometro. A mio avviso un oggetto fondamentale, utilissimo, fantastico per monitorare la febbre del baby di notte ma anche di giorno, visto che la mia bimba per non farsi misurare la febbre mi riempie di calci e pugni… In un primo momento ne ho acquistato uno low cost (errore!), poi ho investito circa 28 euro e ho comprato quello dell’Avent e mi ha salvato da mille situazioni. Tra l’altro la mia piccola BabyBoom usava già quel modello di ciuccio, quindi è stato accolto con favore di giorno e di notte!

Ma ora a voi la parola: quali acquisti folli avete fatto? quali invece si sono rivelati utilissimi?

(immagine: all free logo)
Su Raffaella-mamma (quasi) green

Raffaella Caso è la creatrice di BabyGreen, dove racconta il suo percorso da single ad alto impatto a mamma (quasi) green. Alla ricerca di una vita più semplice, sana e slow, vive a Milano, nonostante tutto.

Ti potrebbero interessare:

Iscriviti alla Newsletter settimanale

powered by MailChimp!
Ricevi ogni giorno i nuovi post via email
Indirizzo email


powered by FeedBurner!

Commenti

  1. sono anti ciuccio…visto che a me ha rovinato il palato!
    quindi dovrò trovare un' altra alternativa…
    :(

Lascia il tuo commento

*