Montessori: come organizzare i giochi dei bambini

Montessori come organizzare i giochi

Montessori: come organizzare i giochi dei bambini? Niente scatoloni e cestoni ma scaffali bassi e stabili

Secondo Maria Montessori i bambini hanno un forte senso dell’ordine già dalla nascita. Hanno bisogno di vedere e vivere l’ordine in modo da poter creare ordine nella loro mente.

A noi genitori il compito di creare un ambiente domestico ordinato, soprattutto dove il bambino gioca e dorme.

Quando un bambino gattona i giochi possono essere posizionati all’altezza della sua visuale. Gli scaffali bassi sono perfetti in questo senso: un bambino vede i suoi giochi e può andare a prenderli gattonando. Piano piano, quando comincia ad alzarsi in piedi, può raggiungere gli oggetti che si trovano ai piani superiori. Naturalmente è importante che lo scaffale sia stabile o fissato al muro.

Per mantenere il senso dell’ordine è fondamentale che ogni materiale/gioco abbia il suo posto e venga rimesso al suo posto dopo essere stato usato (“un posto per ogni cosa, ogni cosa al suo posto”).

Per il bambino sarà molto più facile rimettere a posto i suoi giochi se sa esattamente dove vanno e se sa che riporre un gioco è un’azione semplice e rapida.

Negli ambienti Montessori non si trovano scatoloni e cestoni.

I giochi sono disposti sugli scaffali bassi.

Se un gioco è formati da più pezzi (es. puzzle) viene messo in un cestino oppure in un vassoio, che un bambino può trasportare e mettere a posto facilmente.

I giochi grandi (es. trenino di legno con binari e altri elementi) possono essere messi in cesti ampi (e non troppo alti) sul pavimento.

Come nella vita, anche nell’ambiente Montessori less is more (5 motivi per avere pochi giochi).

Immaginiamo di andare in un supermercato per acquistare una scatola di cereali e di avere a disposizione una scelta troppo ampia: siamo sopraffatti e la scelta ci può mettere in difficoltà. Noi vogliamo solo un pacchetto di cereali semplici e buoni, invece lo scaffale di propone decine di tipi con mille caratteristiche inutili. Alla fine rischiamo di fare la scelta sbagliata e ci stressiamo a fare la spesa.

Per un bambino scegliere un gioco è come per noi scegliere i cereali: ha bisogno di un gioco semplice e di qualità, non di mille possibilità accumulate in un unico posto.Anziché lasciare a disposizione tutti i giochi che abbiamo in casa, selezioniamo in base agli attuali interessi del momento, cinque o sei giochi/attività.

Su tutti i prodotti del catalogo kids di LOVEThESIGN è previsto uno sconto di 20 euro riservato alle lettrici di BabyGreen, utilizzabile fino al 31/12/2016 su un ordine minimo di 100 euro, utilizzando il codice promo BG20.

Se un gioco è formati da più pezzi (es. puzzle) viene messo in un cestino oppure in un vassoio, che un bambino può trasportare e mettere a posto facilmente.

I giochi grandi (es. trenino di legno con binari e altri elementi) possono essere messi in cesti ampi (e non troppo alti) sul pavimento.

Come nella vita, anche nell’ambiente Montessori less is more (5 motivi per avere pochi giochi).

Immaginiamo di andare in un supermercato per acquistare una scatola di cereali e di avere a disposizione una scelta troppo ampia: siamo sopraffatti e la scelta ci può mettere in difficoltà. Noi vogliamo solo un pacchetto di cereali semplici e buoni, invece lo scaffale di propone decine di tipi con mille caratteristiche inutili. Alla fine rischiamo di fare la scelta sbagliata e ci stressiamo a fare la spesa.

Per un bambino scegliere un gioco è come per noi scegliere i cereali: ha bisogno di un gioco semplice e di qualità, non di mille possibilità accumulate in un unico posto.

Anziché lasciare a disposizione tutti i giochi che abbiamo in casa, selezioniamo in base agli attuali interessi del momento, cinque o sei giochi/attività.

Happy organizing!

Riguardo a Raffaella-mamma (quasi) green

Raffaella Caso è la creatrice di BabyGreen, dove racconta il suo percorso da single ad alto impatto a mamma (quasi) green. Alla ricerca di una vita più semplice, sana e slow, vive a Milano, nonostante tutto.

Ti potrebbero interessare:

Come smettere di indossare sostanze chimiche
Attività con i bambini: i suoni della natura
15 cibi (per bambini) che non servono
Le prime pile riciclate al mondo
Regali per neonati
Iscriviti alla Newsletter settimanale

powered by MailChimp!
Ricevi ogni giorno i nuovi post via email
Indirizzo email


powered by FeedBurner!

Lascia un commento

*