I falsi amici del vetro

Il vetro ha dei “falsi amici”!

Gli oggetti chiamati “falsi amici” non devono mai essere buttati nella raccolta differenziata del vetro, comunque essa sia realizzata: cassonetto stradale, porta a porta, multimateriale (associata cioè ad alluminio o plastica) o monomateriale (solo vetro).

In genere, quando si tratta di piccole quantità e pochi pezzi, questi inquinanti possono essere smaltiti nel rifiuto indifferenziato (o sacco “nero”) mentre quando le quantità diventano più consistenti è bene portare questi materiali c/o le isole ecologiche comunali (note anche come Ecoisole, Riciclerie, Ecocentri, etc,) e chiedere agli operatori come comportarsi per essere certi di smaltirli correttamente.

I sistemi di raccolta per questi “falsi amici” del vetro possono infatti variare da comune a comune (smaltimento negli inerti, nel rifiuto tal quale, negli ingombranti, etc.).

“Falsi amici”: dove li butto?

Per esempio, per la città di Milano:

Lastre di vetro: i vetri di finestre, grandi superfici, piani di cristallo eccetera fanno parte dei rifiuti ingombranti e come tali debbono essere portati a una delle sei riciclerie presenti sul territorio milanese. In alternativa, si deve avvisare l’Amsa che provvede al recupero e allo smaltimento degli stessi come ingombranti.

Ceramica: gli oggetti in ceramica quali tazze e tazzine, piatti e vasellame vario sono da gettare nel sacco dei rifiuti indifferenziati o portati alle Riciclerie.

Pirex e cristalli: le stoviglie in pirex, pur presentando la trasparenza del vetro, sono prodotti ceramici e come tali devo essere conferiti nei rifiuti indifferenziati o portati alle Riciclerie.

Lampadine:

  • a incandescenza: la vendita di lampadine … è ormai vietata. Quando debbono essere sostituite possono essere consegnate ai negozianti presso i quali si acquistano le nuove. Oppure vanno ricercati gli appositi contenitori distribuiti in Città o presso le Riciclerie.
  • a influorescenza e tubi al neon: queste moderne lampadine, una volta esauste, devono essere riportate nei punti vendita quando se ne acquistano di nuove o all’isola ecologica (Ricicleria) più vicina dove sono collocati gli appositi contenitori

Schermi tv o di monitor: come per le lampadine, i commercianti si devono farsi carico del ritiro e dello smaltimento. Presso le Riciclerie sono collocati appositi contenitori.

Confezioni in vetro di farmaci usati: si tratta di rifiuti speciali e devono essere portati in farmacia dove sono collocati appositi contenitori.

Per ogni chiarimento e dubbio, visitare il sito AMSA o contattare il numero verde 800-332299

 

fonte: Coreve.it

About Raffaella-mamma (quasi) green

Raffaella Caso è la creatrice di BabyGreen, dove racconta il suo percorso da single ad alto impatto a mamma (quasi) green. Alla ricerca di una vita più semplice, sana e slow, vive a Milano, nonostante tutto.

Ti potrebbero interessare:

Bambini in cucina: premiato cortometraggio
Nuova collaborazione tutta green con Mamme nella rete
Un’idea per tutte le mamme (con finanziamento!)
Milano: fontanelle di acqua potabile nelle scuole
Crema protettiva: sì o no?
Iscriviti alla Newsletter settimanale

powered by MailChimp!
Ricevi ogni giorno i nuovi post via email
Indirizzo email


powered by FeedBurner!

Speak Your Mind

*