Sara: mamma green della settimana

Oggi riprende la rubrica Mamma green della settimana, con una “special edition” che potremmo chiamare “Mamma green…. e poi?”. 

Sì, perché vivere green è un viaggio continuo costellato da cambiamenti e scoperte,  tentativi e fallimenti, propositi e conquiste.

Così mi sono chiesta: “andiamo a cercare una delle prime mamme green intervistate e vediamo quali sono le sue nuove e attuali green.itudini, vediamo come sono andati i suoi propositi”…Sara ha accettato con entusiasmo di confrontarsi con la se stessa di due anni fa.

Sara è blogger, nota in Rete come Mammachetesta…Due anni fa ci aveva raccontato della sua passione per i prodotti del territorio (e del suo orto!), della sua scelta di limitare al massimo i detersivi, di usare cotone biologico per la sua bimba. Tra i suoi propositi c’erano quelli di fare meno shopping, di non mangiare carne e di ridurre l’utilizzo dell’auto.

Vediamo cosa è cambiato in questi due anni…

Ciao Sara, ti identifichi ancora nelle tue scelte green?

  • sì, anche se ho dovuto abbandonare alcuni detergenti naturali come gli anticalcare (aceto e acido citrico) e l’ammorbidente (idem) perché la situazione della durezza dell’acqua è diventata di difficile gestione. Uso un anticalcare da WC molto diluito e ammorbidente con tensioattivi vegetali e non vedo l’ora di montare in estate l’addolcitore per poter tornare alle mie vecchie abitudini!

Cosa è cambiato in questi due anni?

  • ho montato l’impianto a GPL sulla mia auto che così è decisamente meno inquinante e – come dicevo – combatto con il problema della durezza dell’acqua che spero si ridimensionerà quando avremo finalmente l’addolcitore.

Hai nuove green.itudini?

  • faccio più sport 
  • lascio l’auto ferma appena posso e cammino o corro (cioè…corro…parola grossa!)
  • ho molto ridimensionato il consumo di carne molto perché mi dà fastidio alla digestione. Ne sento meno il bisogno e questo mi fa anche piacere.
  • ho anche iniziato ad utilizzare la coppetta mestruale

Tra le green.itudini che non riuscivi a mettere in atto, sei riuscita ad attuarne alcune?

  • la riduzione del consumo di carne appunto. Il resto è fermo per motivi strutturali e di organizzazione famigliare-lavorativa.

Ci consigli una ricetta sana e semplice?

Sul tuo blog hai qualche eco-consiglio per noi?

Grazie Sara!

Ogni settimana una mamma ci racconta le sue green.itudini, i suoi “eco-peccati” e propone una sua personale eco-dritta. Uno spazio ideale per condividere le nostre esperienze e abitudini.

Vuoi rilasciare la tua intervista? Clicca qui!

Riguardo a Raffaella-mamma (quasi) green

Raffaella Caso è la creatrice di BabyGreen, dove racconta il suo percorso da single ad alto impatto a mamma (quasi) green. Alla ricerca di una vita più semplice, sana e slow, vive a Milano, nonostante tutto.

Ti potrebbero interessare:

Mamma green della settimana: Paola, una vera homemade mamma
Mamma green della settimana: Annarita “esco di casa”
Caterina: mamma green della settimana
Come essere genitori migliori
Ferro basso? Come fare il test a casa
Iscriviti alla Newsletter settimanale

powered by MailChimp!
Ricevi ogni giorno i nuovi post via email
Indirizzo email


powered by FeedBurner!

Lascia un commento

*